Presidente del Consiglio Comunale

Le funzioni del Presidente

Il Presidente rappresenta, convoca e presiede il Consiglio Comunale e la Conferenza dei Capigruppo ed esercita le altre funzioni attribuitegli dalla legge, dallo Statuto e dai regolamenti.

Il Presidente dell’assemblea consiliare rappresenta l’intero Consiglio comunale, ne è l’oratore ufficiale, deve tutelane la dignità e le funzioni, assicura il buon andamento dei lavori e modera la discussione degli affari secondo l’ordine prestabilito; fa  osservare il regolamento, concede la facoltà di parlare, pone o precisa i termini delle questioni sulle quali si discute e si vota, stabilisce l’ordine delle votazioni ne controlla e ne proclama il risultato.

Il Presidente è investito di potere discrezionale per mantenere l’ordine e per assicurare l’osservanza delle leggi e dei regolamenti, la regolarità delle discussioni e la legalità delle deliberazioni. (art. 29 reg. comunale)

Per  garantire il corretto svolgimento dei lavori del Consiglio, il Presidente, ha  una posizione di imparzialità fra i consiglieri comunali (dalle cui fila viene eletto) al fine di dirigere e coordinare il lavoro degli altri componenti del collegio; il suo, pertanto, è un ruolo “istituzionale” dovendosi svolgere in completa autonomia, non solo dai partiti politici e dai gruppi consiliari ma anche e soprattutto, dal sindaco e dalla giunta.

Ha l’iniziativa delle attività di informazione, di consultazione, di studio e di organizzazione necessarie per favorire il miglior funzionamento del Consiglio e delle commissioni.

Si relaziona  con il segretario comunale, quale garante della legalità dei provvedimenti e delle sedute consiliari.

Collabora attivamente con tutti gli uffici comunali, in particolare con L’Ufficio affari generali, dal quale partono le convocazioni al Consiglio Comunale e si svolgono tutte le pratiche burocratiche pre e post adunanza.